ASTRAGALO (2a parte) 

Tratto dalla rete

Autore: Patience Paradox

Traduzione di Marco Turazza. 

Preparazioni

L’Astragalo è disponibile sottoforma di capsule, compresse, tinture, tisane, da solo od in associazione.

Tradizionalmente alcune fette della radice venivano aggiunti a zuppe e ad altri cibi.

Una tisana piuttosto forte può essere preparata facendo bollire 3 once di radice di Astragalo in una quantità d’acqua pari a tre tazze e lasciando poi in infuso per almeno 5 minuti. Verranno poi assunte 2 o 3 tazze al giorno.

In caso di tintura, assumerne 30-60 gocce quattro volte al giorno.

Radici dolci possono essere acquistate già pronte oppure possono essere preparate mescolando 4 parti di radice di Astragalo con una parte di miele in acqua, dopodiché il tutto va cotto a fuoco lento finché la preparazione si presenterà asciutta e di color marrone.

Nella Medicina Tradizionale Cinese, l’Astragalo viene utilizzato sotto forma di unguento per trattare le ferite, soprattutto quelle lente a guarire.

Precauzioni

Vista la caratteristica di essere una erba riscaldante, L’astragalo andrà evitato in caso di febbre o stati di agitazione.

L’Astragalus membranaceus è l’unica specie della famiglia che presenta un’attività medicinale; altre specie potrebbero essere tossiche. Si consiglia quindi di non utilizzare altre specie.

Utilizzare inoltre solamente la radice; altre parti della pianta potrebbero essere tossiche.

Effetti collaterali

L’Astragalo è generalmente un’erba sicura e molto ben tollerata, anche ad alte dosi. Saltuariamente alcuni individui possono presentare un leggero mal di stomaco o una lieve reazione allergica.

Interazioni

L’Astragalo migliora l’efficacia di altre erbe quando viene utilizzato in combinazione. E’ spesso utilizzato insieme all’eleuterococco (Eleutherococcus senticosus), all’echinacea (Echinacea spp.), all’angelica (Angelica sinensis), al Ligusticum (Lingusticum wallichi).

L’Astragalo può interferire con l’azione di diuretici, phenobarbital, beta bloccanti, anticoagulanti. Coloro i quali utilizzano tali farmaci dovrebbero consultare il loro medico prima di assumere in contemporanea anche l’Astragalo.

Torna a Newsletter