FUNGHI REISHI (1a parte) 

Tratto dalla rete

Autore: Douglas Dupler - Tish Davidson

Traduzione di Marco Turazza. 

Nome Botanico

Ganoderma lucidum

Famiglia

Polyporaceae

Parte utilizzata

Cappello, micelio.

Descrizione

I Reishi sono i funghi più usati a livello mondiale per la fitoterapia. Nella medicina cinese sono noti come ling zhi, che significa pianta spirituale, in quanto era ritenuta in grado di guarire lo spirito.

Il termine latino Ganoderma significa "pelle brillante", che descrive il cappello del fungo, il cui colore può variare dal giallo al nero.

I funghi Reishi hanno forma di fagiolo e possono crescere fino a 20 cm di diametro. Essi vivono nelle foreste umide e temperate dell’Asia, Sud America e Stati Uniti, attaccati a vari tipi di alberi, ma sono rari da trovare.

I funghi Reishi hanno una storia millenaria. Sono utilizzati in Cina ed in Giappone da quasi 4.000 anni come tonici generali e nella medicina tradizionale per curare problemi epatici, cardiaci e contro asma, cancro, ipertensione ed artrite.

Nella Medicina Tradizionale Cinese, essi sono classificati in un gruppo di erbe chiamato Fu Zheng, ritenuto dagli erboristi cinesi un gruppo di potenti agenti in grado di assicurare forza, salute e longevità.

Tale gruppo di erbe comprende anche il Panax ginseng e l’Astragalo.

I funghi Reishi sono stati per la maggior parte della loro storia rari e molto costosi, a causa della difficoltà nel coltivarli e nel trovarli in forma selvatica. Per tale motivo essi erano riservati agli imperatori e venivano chiamati "Elisir della vita".

Negli anni ’80, un giapponese di nome Shigeaki Mori sviluppò un metodo di coltivazione complesso ed efficace, che li ha resi disponibili ed accessibili sul mercato.

Vi sono sei diverse colorazioni del cappello: rosso, verde, bianco, nero, giallo, viola. Vari ricercatori hanno dimostrato che si tratta in tutti i casi della stessa specie e che la differenza di colore è solamente dovuta a diverse condizioni ambientali.

I funghi Reishi sono stati oggetto di molte ricerche e tests, soprattutto in Cina ed in Giappone.

I ricercatori hanno isolato parecchie sostanze chimiche che presentano effetti farmacologici.

Alcune di queste sostanze sono classificate come polisaccaridi ed hanno dimostrato possedere attività anticancerogena ed immunostimolante. Studi effettuati su topi hanno dimostrato avere un’attività molto potente contro il cancro.

Altre sostanze, chiamate triterpeni, mostrano attività antiipertensiva e sono in grado di migliorare la circolazione sanguigna.

Essi contengono anche steroli, che possono influenzare il sistema ormonale, ed antistaminici naturali, in grado di ridurre le reazioni allergiche e le infiammazioni in generale.

In Asia, molti studi clinici effettuati su pazienti di vario genere, hanno evidenziato varie proprietà medicinali. Si sono avuti significativi risultati nel trattamento di epatiti, bronchiti croniche, asma e malattie cardiache.

I funghi Reishi si sono inoltre dimostrati in grado di ridurre l’ipertensione arteriosa ed il colesterolo, di aumentare la quantità di cellule bianche del sangue, di ridurre le reazioni allergiche e di presentare un effetto calmante a livello del sistema nervoso centrale.

Torna a Newsletter