Erboristeria cinese in America

(6a parte). 

Tratto dalla rete

Traduzione di Marco Turazza. 

Dr. Michael Tierra L.AC., O.M.D. 

Erbe tossiche e non tossiche.

La "materia medica" indica chiaramente quando un’erba presenta una tossicità conosciuta e può essere indicata come "tossica" o "leggermente tossica".

Le erbe considerate tossiche hanno un margine di sicurezza molto stretto per quanto riguarda il dosaggio e vengono normalmente utilizzate per brevi periodi, solitamente da 1 a 5 giorni per volta.

Controindicazioni

Controindicazioni si hanno quando un’erba è in grado di aggravare una condizione patologica preesistente o uno squilibrio.

Spesso si hanno controindicazioni quando le erbe vengono prescritte in dosaggi troppo alti, relativamente alla specifica malattia. Quasi tutte le malattie hanno almeno due facce, e spesso più di due, basate sugli Otto Principi.

La maggior parte delle malattie presenta condizioni nascoste di eccessi o carenze, raffreddamenti o riscaldamenti, cronicità o acutezza, yin o yang, e richiedono diversi approcci fitoterapeutici.

Tutto sommato, comunque, le erbe sono abbastanza sicure. E’ comunque saggio usarle con attenzione, iniziando con un dosaggio basso per poi effettuare rivalutazioni e riconsiderazioni periodiche, almeno settimanali.

Restrizioni dietetiche

Alcuni cibi tendono ad essere controindicati quando si assumono alcune erbe o formule.

Nella maggior parte dei casi ciò significa che è necessario evitare cibi in grado di aggravare uno squilibrio preesistente, come ad esempio cibi grezzi e freddi in caso di raffreddore, o cibi caldi, speziati, pesanti, dolci e ricchi di sostanze nutrienti nelle condizioni di eccesso.

Ancora da evitare sono i cibi grassi e mucillaginosi nelle condizioni umide e cibi pesanti da digerire nelle condizioni di cibo stagnante o di debolezza digestiva.

Vi sono inoltre alcune erbe che non devono essere assolutamente prese insieme a particolari cibi. Ad esempio con la carne di maiale non bisogna prendere liquirizia, coptis, platycodon e mume.

Ancora, la menta non va presa insieme alla carne di tartaruga, né i funghi poria con l’aceto.

 Torna a Newsletter