Erboristeria cinese in America

(15a parte). 

Tratto dalla rete

Traduzione di Marco Turazza. 

Dr. Michael Tierra L.AC., O.M.D. 

Angelica Cinese (Dang Gui)

Angelica sinensis - radice

Nomi comuni: Dong Quai, Dang Gui, Angelica Cinese
Famiglia: Umbrelliferae
Energia e sapore: Dolce, acre, amara, calda
Organi meridiani: Cuore, fegato e milza

Proprietà.

Indicazioni.

L’Angelica è l’erba di elezione per le deficienze sanguigne, come il Ginseng lo è per quelle del qi. A causa di ciò, essa viene a volte chiamata il Ginseng delle donne, perché la salute delle donne è tanto legata al sangue quanto lo è al qi quella degli uomini.

E’ quindi largamente utilizzata in tutti i problemi ginecologici come mestruazioni irregolari, infertilità, debolezza dopo il parto, menopausa ed anemia.

E’ spesso indicata anche in caso di problemi di visione, vertigini e palpitazioni quando questi problemi sono legati a deficienze sanguigne.

Essa rinvigorisce il sangue e può essere usata in caso di stagnazione sanguigna, che può causare delle ostruzioni molto dolorose, ed in caso di dolori addominali e mestruali.

E’ anche in grado di sbloccare l’intestino grazie al suo blando effetto lassativo, quando la costipazione è dovuta a deficienza sanguigna.

Controindicazioni.

Questa erba non dovrebbe essere utilizzata in presenza di diarrea, di distensione addominale causata dall’umidità e da coloro che presentano una deficienza dello Yin con segni di calore.

Dosaggio.

Da 3 a 9 grammi.

Costituenti biochimici.

Note.

Parecchie specie di Angelica sono usate come Dang Gui. L’Angelica acutiloba viene considerata dai Giapponesi un’erba perfino migliore della sinensis, per quanto riguarda le sue proprietà toniche del sangue.

La Dang Gui può essere finemente affettata e macerata nel vino per renderla più calda e maggiormente biodisponibile.

Il corpo della radice è più adatta ai problemi sanguigni, mentre le code sono considerate migliori per la circolazione.

 Torna a Newsletter