Boswellia (2a parte). 

Tratto dalla rete

Traduzione di Marco Turazza 

STUDI CLINICI

Efficacia e tollerabilità di un estratto di Boswellia serrata nel trattamento dell’osteoartrite del ginocchio. Una prova clinica randomizzata in doppio cieco con controllo placebo.

Kimmatkar N, Thawani V, Hingorani L, Khiyani R.

MS Orthopedics, Indira Gandhi Medical College, Nagpur, India.

L’osteoartrite è una comune malattia cronica, progressiva, scheletrica e degenerativa, che affligge comunemente l’articolazione del ginocchio.

La Boswellia serrata si trova comunemente in India ed il valore terapeutico della sua gomma (guggulu) è ben noto. Essa possiede una interessante attività antiinfiammatoria, antiartritica ed analgesica.

E’ stato realizzato uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco e con controllo placebo, per verificare l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di un estratto di Boswellia serrata (BSE) su 30 pazienti sofferenti di osteoartrite del ginocchio.

A metà dei pazienti è stato somministrato l’estratto per otto settimane, mentre all’altra metà è stato dato il placebo, per lo stesso periodo di tempo.

Alla fine di questo periodo furono raccolti i dati ed i pazienti furono incrociati in modo che venisse loro somministrata la sostanza opposta, il tutto per altre otto settimane.

Tutti i pazienti che hanno ricevuto il trattamento con la BSE riportarono una diminuzione della dolorabilità al ginocchio, una migliorata flessione dell’articolazione ed una capacità di camminare percorrendo distanze maggiori.

La frequenza di rigonfiamenti al ginocchio diminuì e non si riscontrarono cambiamenti dal punto di vista radiologico.

Le differenze osservate tra i soggetti che avevano assunto l’estratto e quelli che invece avevano assunto solo il placebo furono statisticamente significative e clinicamente rilevanti.

La BSE è stata ben tollerata tranne che per lievi disturbi gastrointestinali.

In conclusione la BSE è da raccomandare ai pazienti affetti da osteoartrite del ginocchio con possibili usi terapeutici anche in altri tipi di artrite.

 Torna a Newsletter