Gynostemma (1a parte). 

Tratto dalla rete

Traduzione di Marco Turazza 

Gynostemma

Nome cinese: Jiaogulan

Nome botanico: Gynostemma pentaphyllum

Famiglia: Cucurbitaceae 

La Gynostemma è una pianta indigena delle zone meridionali della Cina.

Essa viene soprannominata dalla gente locale "erba dell’immortalità", in quanto nella provincia di Guizhou si notò che la gente del posto che ne consumava grandi quantità viveva più a lungo di quella che invece non ne faceva uso.

E’ stata utilizzata come dolcificante naturale in Giappone, ed è nota come erba adattogena ed antiossidante.

Grazie ai suoi effetti adattogeni, viene anche frequentemente chiamata "Ginseng del Sud".

Le sostanze attive presenti in questa erba, responsabili dell’effetto adattogeno, sono dette Gipenosidi, i quali presentano una struttura chimica simile a quella dei principi attivi del ben più noto Ginseng, i Ginsenosidi.

La Gynostemma può essere coltivata sia come pianta perenne che annuale, a seconda delle zone di coltivazione.

E’ una pianta a sessi separati, quindi se se ne desiderano i semi, è necessario coltivare piante di entrambi i sessi.

 Torna a Newsletter